SEZIONI NOTIZIE

Milan, con Pioli il gioco è di un altro livello. Ma serve chi la butti dentro

di Pascal Desiato
Vedi letture
Foto

Un Milan che con il successo di Parma sta provando a rilanciarsi in campionato dopo le ultime uscite poco fortunate. Certamente quello che si nota maggiormente è il gioco espresso dalla squadra, tanti passaggi, possesso palla sempre più in crescita e soprattutto i tiri in porta che nella vittoria di ieri hanno toccato quota 19 la più alta da inizio stagione. Certo il Milan di Pioli non brilla per punti conquistati, solo 8 in 7 partite, ma su una cosa mette d'accordo tutti tra addetti ai lavori e tifosi, ossia il fraseggio in campo cosa che con Giampaolo dispiace dirlo era sempre meno visibile con anzi la sensazione, in alcuni giocatori, di assoluta assenza e disposizione tattica. Un percorso quello del nuovo tecnico che lo ha visto di fronte a squadre come Lazio, Roma e Juventus che al momento sembrano essere più attrezzate del suo Milan, ma in particolare contro la squadra di Sarri si è vista una nuova visione collettiva che sta portando a una netta inversione di rotta. 

PUBBLICITÀ

POCHI GOL - Purtroppo dal punto di vista delle marcature resta il vuoto colmato da Piatek fermo a sole 3 reti, di cui 2 su rigore, con Leao rimasto al palo dopo la rete contro la Fiorentina e Suso a segno contro la Spal, per non parlare di Rebic che certamente ha avuto un minutaggio minore ma che sta dimostrando di non essere al momento utile alla causa. Per questo da qualche settimana la società si sta muovendo, anche proprio su richiesta di Pioli, nella direzione di provare a prendere un centravanti esperto che sia Ibrahimovic, Mandzukic o Giroud, per provare a sbloccare la situazione che al momento vede Theo Hernandez cannoniere della squadra. Una punta che oltre a migliorare il gioco possa permettere anche nelle partite più complicate di sbloccare quella cosa fondamentale che al momento manca, ossia le reti degli attaccanti.

Altre notizie
Giovedì 09 luglio 2020
23:48 News La classifica dei marcatori stagionali rossoneri: Rebic a quota undici, Ibra raggiunge Theo 23:48 News Serie A, termina la 31^ giornata: Milan a +6 dall'ottavo posto 23:36 News Helveg: "Terrei Ibra non solo per un altro anno, più importante dei 'mini fenomeni'" 23:24 News Milan, 25 gol nel girone di ritorno: è già a +7 rispetto all'andata 23:12 Le Interviste Daino: "Pioli è un grande gestore di risorse. La presenza di Ibra ha inciso"
PUBBLICITÀ
23:00 News Milan, i numeri di Theo Hernandez in stagione 22:49 Le Interviste Krol: "Se ci fosse stato De Ligt con il Milan, la Juventus non avrebbe subito tre gol in 6 minuti" 22:36 Le Interviste Zapelloni: "Ibrahimovic ha una personalità incredibile. Va tenuto" 22:24 News Ribéry non lascia Firenze "Viola per sempre" 22:12 News Milan, con Ibrahimovic in campo 1.9 punti di media: senza lo score si abbassa a 1.4 22:00 News Bucchioni: "Non so come il Milan abbia fatto a mandare via Gattuso. Pioli è visto come un normal-one" 21:48 News Rigori concessi: su 152 assegnati, solo 45 sono stati per fallo di mano 21:48 News Dalla Figc nuove risorse per lo sviluppo dei vivai 21:36 Le Interviste Pellizzari: "Rangnick è una figura interessante ma è incompatibile con il calcio italiano" 21:24 News Coronavirus: Bulgaria; aumentano casi, chiuse tribune stadi 21:12 Calciomercato Milan Di Marzio: "Stasera Rangnick osserva Pessina, da capire se può far parte del Milan del futuro" 21:00 News Ibrahimovic, che numeri con la Juventus: primo per tiri in porta e occasioni da gol create 21:00 Primo Piano André Silva, Rebic e la clausola pro Fiorentina: come Milan ed Eintracht potrebbero trovare la quadra 20:48 News Valentini a QSVS: "Il futuro di Maldini potrebbe essere in FIGC" 20:35 News Calcio: Malagò, così appassiona meno ma soluzione migliore