Gazzetta - Sentenza UEFA, il Milan come l'Inter: ammenda in due fasi, una parte da pagare subito e il resto vincolato all’andamento del bilancio

di Enrico Ferrazzi
articolo letto 64169 volte
Foto

E' attesa a breve la sentenza dell'UEFA che dovrà comunicare al Milan la sanzione per il mancato rispetto del Fair Play Finanziario nel trienno 2014-2017. E, secondo quanto riferisce La Gazzetta dello Sport, la pena potrebbe essere molto simile a quella che era stata data all'Inter tre anni e mezzo fa: la sanzione dovrebbe infatti essere rateizzata e scontata se nel frattempo i conti del club miglioreranno fino a rientrare nei parametri imposti dal Fair play.

COME L'INTER - Le ultime indiscrezioni dicono che dovrebbe essere tenuta la stessa linea anche per il Milan: come spiega la Rosea, stabilita una somma, verrà poi monitorato l’andamento del fatturato per decidere se riscuotere o meno la parte pendente. Se così fosse, la pena sarebbe finalmente proporzionata, ma nel caso in cui le cose dovessero andare diversamente e la sanzione dovesse esssere ancora troppo pesante, il club di via Aldo Rossi non esclude di ricorrere nuovamente al Tas di Losanna. 

AUMENTO DEI RICAVI - In attesa della sentenza, Elliott ha riorganizzato l'organigramma societario e ha nominato il nuovo ad, Ivan Gazidis, il quale avrà come primo obiettivo quello di aumentare i ricavi del Milan. Il verdetto dell'UEFA è atteso a giorni e si sa che influenzerà il mercato invernale: come spiega La Gazzetta dello Sport, se l’importo dovuto fosse tutto sommato modesto ci sarebbe un budget superiore da destinare alla campagna acquisti invernale dei rossoneri.  


Altre notizie
Lunedì 10 Dicembre
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy