SEZIONI NOTIZIE

Mura: "Per il Milan è una mezza beffa, ma non è un risultato da buttare"

di Enrico Ferrazzi
Vedi letture
Foto

Sulle colonne di Repubblica, Gianni Mura ha commentato così gli ultimi verdetti del campionato di Serie A: "La cosa più giusta: Atalanta per la prima volta in Champions. La meno giusta: l’Empoli in B. Sonnacchioso nelle prime due posizioni, il campionato s’è acceso ed è stata una serie di fuochi che a turno hanno guastato i sogni di Atalanta, Milan, Genoa, Inter, Empoli. Poi è stato un testa a testa, a distanza, tra le milanesi. Hanno vinto entrambe, ma l’Inter aveva un punto in più e non ha perso l’ultimo treno. Ha rischiato di perderlo, a conferma di una stagione più ricca di balbettii che di squilli. Può ringraziare Handanovic (due paratone) e la traversa colpita in disperato salvataggio da D’Ambrosio. Un pelo sotto ed era il 2-2. Note a margine: Icardi sbaglia il primo rigore del campionato (ne aveva realizzati 5 su 5) ed esce tra i fischi di San Siro. Spalletti indovina il cambio di Keita per Asamoah. Keita ha il merito dell’1-0 e il demerito di aver fatto scioccamente annullare il 3-1 di Brozovic. Così per l’Inter è stata sofferenza fino all’ultimo secondo, ma ci è abituata. L’obiettivo massimo e minimo, il solo rimasto, era l’ingresso in Champions. Determinante il gol di Nainggolan, che dopo una stagione in chiaroscuro ripaga la fiducia di Spalletti. L’Empoli, che ha fatto quasi i punti di Chievo e Frosinone messi insieme, retrocede con grande dignità, giocando a calcio con freschezza e coraggio. Può imprecare alla quasi autorete di D’Ambrosio, ma questo è il calcio. Anche l’1-1 di Zapata è segnato col mento. Episodi. Come il mischione alla fine del primo tempo, che lascia il Sassuolo in 10. Espulso Berardi, tanto per cambiare. Era partito col piede giusto, segnando addirittura col destro e facendo capire che il Sassuolo non intendeva fare da comparsa. L’Atalanta ha un avvio impacciato, sotto ritmo. Con un uomo in più, schiaccia e dilaga. Grande merito per non aver perso fiducia nella serata decisiva. Ora bisogna capire il futuro di questa squadra prima per gol segnati, che col suo gioco ha conquistato non solo la Champions ma tante simpatie sparse per l’Italia. E dà anche una risposta precisa a chi vorrebbe cambiare la formula della Champons. Deve giocarla chi la conquista sul campo, punto e basta. Per il Milan è una mezza beffa, ma non è un risultato da buttare. In Uefa con la Lazio, evita i turni di qualificazione supplementari, che toccheranno alla Roma. Otto squadre su 20 si giocavano qualcosa, ieri sera. Inutile ma significativa la vittoria del Milan, squallidissimo il pareggio di Firenze, ma era prevedibile che Fiorentina e Genoa si sintonizzassero sul risultato di San Siro. Niente di glorioso o di cui vantarsi in questo 0-0: salvezza si cercava e salvezza è stata".
 


Altre notizie
Domenica 16 Giugno 2019
19:15 News Dall'Ara 'sold-out' per Italia-Spagna 19:00 Primo Piano Investire con saggezza. Al Milan serve un difensore ma Caldara non va dimenticato, e altri reparti hanno più lacune 19:00 News TMW - Retroscena Allegri, il primo sponsor di Giampaolo al Milan 18:45 News Under 21, questa sera Italia in campo contro la Spagna 18:30 News Fiorentina, Montella: "Investiremo in elementi funzionali alla squadra" 18:15 ESCLUSIVE MN MN - Milan-Laborde, parla l'intermediario: "Costa 15 milioni. Profilo ideale per il modulo di Giampaolo" 18:00 News Trevisani: "Suso lo vedo esterno offensivo ma Giampaolo fa rifiorire i giocatori offensivi" 17:45 News Ganz: "Il Milan ha lottato, ha stretto i denti e ha espresso buon calcio: è questa la squadra che vogliamo vedere" 17:30 News Il Milan e la carica a Cutrone: "Il nostro Patrick guida l'assalto alla Spagna" 17:16 News Pogba, buon momento per una nuova sfida 17:00 News Napoli, incontro con Raiola per Manolas: ADL disposto a pagare clausola 16:45 News Ganz: "Il Milan ha fatto il suo dovere fino in fondo. Quattro punti in più rispetto alla scorsa stagione sono un punto di partenza". 16:30 News Giugliano: "Siamo una squadra forte e facciamo paura a tutte. Non lascerò che il Brasile ci batta" 16:15 News Caldara su Milan-Lazio: "Ho realizzato un sogno che avevo fin da bambino" 16:00 Primo Piano Puntare su Suso può avere una doppia strategia. Intanto si studia la posizione con Giampaolo 16:00 News Caldara sul secondo infortunio: "Primi 20 giorni complicati ma adesso mi sento molto meglio" 15:45 News Argentina-Colombia 0-2, Zapata resta in panchina 15:30 News Caldara sulla stagione: "Non è tutto da buttare, ho imparato a conoscere meglio il mio corpo" 15:13 News Arriva l'ufficialità: Sarri è il nuovo allenatore della Juventus 15:00 News Fiorentina, Commisso: "Non dobbiamo comettere errori come il Milan che ha speso 200 milioni senza ottenere risultati"