SEZIONI NOTIZIE

Milan, le tre autoreti di Verona

di Daniel Speranza
Fonte: AC Milan Official App
Vedi letture
Foto

Le partite fra Verona e Milan al Bentegodi non sono piene solo di episodi negativi per i rossoneri, come la letteratura del match sottolinea ad ogni vigilia. Arrigo Sacchi, ad esempio, ha vinto per 2 campionati consecutivi sul terreno dell'Hellas, prima con lo storico gol di Virdis dopo la sconfitta in coppa Uefa a Lecce contro l'Espanyol, e poi grazie ad una autorete decisiva.

Proprio così, il 6 novembre 1988, quinta giornata di campionato dopo 2 vittorie e 2 pareggi, il Milan sembrava sicuro del successo con il gol di Gullit nel primo tempo. Il pareggio di Caniggia a metà ripresa aveva invece rimesso tutto in discussione. Ma a dieci minuti dalla fine, un tiro di Marco Van Basten viene deviato da Roberto Soldà alle spalle del portiere veronese Cervone. Soldà aveva già giocato nell'Atalanta e nella Juventus ed era al suo secondo campionato in Veneto. Risultato finale: Verona-Milan 1-2. 

PUBBLICITÀ

Nel gennaio del 1992, poco più di 3 anni dopo, altro giro e altra autorete. Il Verona non era più allenato da Bagnoli, ma da Fascetti. Squadra gialloblu in cattive acque, ma Icardi... non perdona. Nessun riferimento argentino, ma ad Andrea Icardi, ex prodotto del Settore giovanile rossonero. Nel pomeriggio del 12 gennaio 1992, Icardi giocava nel Verona, ma la sua deviazione sul tiro di Carlo Ancelotti fu decisiva per battere il suo stesso portiere Gregori e per dare la vittoria al Milan che si impose 1-0.

L'onda lunga delle autoreti veronesi a favore del Milan si sarebbe poi propagata, fino al 19 ottobre 2014. Episodio particolarmente clamoroso quello che ha visto il messicano Rafa Marques protagonista involontario: la partita era sullo 0-0, il cross di Abate era interlocutorio, ma lui svirgola e porta in vantaggio... il Milan. La gara avrebbe visto poi i rossoneri imporsi 3-1.


Altre notizie
Venerdì 18 Ottobre 2019
01:00 News Gravina, useremo Var contro buu razzisti 00:48 News Novellino: "Non mi aspettavo l'esonero di Giampaolo, aveva bisogno di tempo e certezze" 00:36 Social Network Gabbia e l'amore per i colori rossoneri 00:23 News Dalla Bona: "Non avrei preso Giampaolo, Pioli mi sembra una scelta di ripiego" 00:11 News Vulpis: "Gazidis è perfetto per la Premier ma la Serie A non è ancora adatta per questi dirigenti
PUBBLICITÀ
00:00 L'editoriale Ora la squadra è senza alibi. Bilancio: il sottile piacere del catastrofismo (e riecco il refrain delle cessioni importanti). Il calcio rivela favole e drammi umani
Giovedì 17 Ottobre 2019
23:44 News Marani: "Il Milan ha preso coscienza dei suoi problemi, Pioli è un uomo realista" 23:31 News Perrone: "Spesso le società tentano rivoluzioni che non riescono" 23:18 News S. Sabatini: "Mandzukic sarebbe una bella idea per il Milan, ma bisognerà pensare prima a chi dovrà partire" 23:06 Gli ex Zapata: "Mi piace Genova, quando venivo a giocare a Marassi era sempre difficile" 22:54 News Rizzoli "arbitri non bene prime 3 gare" 22:42 News Stadio, la risposta di Milan e Inter sulla capienza ed esclusività dello stadio 22:30 News Pagni a MN: "Gli sponsor sono calati, Gazidis non ha ancora fatto vedere nulla da quel punto di vista" 22:18 News Il Milan e le immagini dell'allenamento in vista del Lecce 22:06 News Nasce l'account Twitter ufficiale per il nuovo stadio 21:54 News Bellinazzo: "Per trovare un compratore serve lo stadio, ora il Milan deve abbassare il monte ingaggi" 21:42 News Stadio, la risposta di Milan e Inter sulle tempistiche del progetto 21:30 Primo Piano Il monte ingaggi vera spada di Damocle del Milan attuale. E il problema non sono i big... 21:30 News Pagni a MN: "Milan, la cosa positiva è che non ci sono più Yonghong Li e Berlusconi" 21:18 News Stadio, la risposta di Milan e Inter sulla questione della vocazione sportiva del quartiere