Borini a MN: "Reazione da Milan, non volevamo perdere. Il gruppo c'è sempre, dall'esterno fanno terrorismo"

di Daniele Castagna
Fonte: da Siviglia, Pietro Mazzara
articolo letto 20792 volte
Foto

Nel post partita di Betis Siviglia-Milan, l'esterno rossonero Fabio Borini ha parlato così a MilanNews.it: "Nel primo tempo non abbiamo giocato male. Abbiamo cercato di contenerli, han fatto gol nell'unica azione. Noi non riuscivamo ad attaccare, ma ci sta, nel calcio non si può spingere novanta minuti".

La reazione di testa: "Ma certo, ci siamo sempre. C'è del terrorismo esterno al gruppo che non serve a niente. Giocare qui è difficile, si vede che ci tengono all'Europa League e c'erano anche 55mila persone".

Tanti infortuni? "Fan parte del calcio, pensiamo a recuperare e testa a domenica".

Il match contro la Juve: "Ci arriviamo da Milan, vincendo tre gare di fila in Serie A e pareggiando fuori casa in Europa League. Non abbiamo ancora la qualificazione in mano ma ora pensiamo a Milan-Juve".

Sul ruolo: "Bene, l'ho fatto bene. Come più o meno tutti i ruoli. Se mi diverte e gioco, mi va bene ogni ruolo".

Il pressing: "Abbiamo cambiato l'assetto nel secondo tempo, eravamo più aggressivi e più alti. Abbiamo continuato a fare quello che sappiamo fare".

La ripresa nel secondo tempo: "Semplice, eravamo sotto di un gol e non volevamo perdere. Ogni gara è cruciale per noi, avevamo già perso in casa e non volevamo cadere anche stasera".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy