SEZIONI NOTIZIE TMW RADIO

Un sushi al tavolo con interisti che rosicano. Ibra, nostro signore e nostro dio. Conte e la partita che non c'è

di Pietro Mazzara
Vedi letture
Foto

Vi starete chiedendo: dov’è Longoni col suo editoriale che farà rosicare gli interisti? Tranquilli, Andrea si esprimerà domani. Essendo impegnato a Telelombardia, mi ha chiesto un cambio di slot. Io scrivo dopo aver finito una cena con amici interisti, che hanno menato il torrone tutta sera sulla mancata espulsione di Kessie e sulla non conoscenza della nuova regola del fuorigioco, che ha portato all’annullamento del rigore concesso da Mariani per il contatto Donnarumma-Lukaku. Ecco, dopo quattro anni ho notato molto una cosa: davano troppo per scontata la vittoria nel derby. Dal 31 gennaio 2016 a ieri, il Milan non aveva più vinto la stracittadina, dando a quelli là (mi perdoneranno, ma nella settimana del derby ci sta) una sorta di diritto acquisito. Invece no, invece qualcosa è cambiato. L’Inter era l’unica delle grandi a mancare all’appello della collezione di scalpi di Stefano Pioli e della sua banda terribile. Inutile che Antonio Conte vada in tv a dire che avrebbero meritato di vincere. Non è un’analisi lucida e corretta di quanto visto in campo. Perché se l’Inter ha avuto le chance di pareggiare la gara, il Milan ha avuto due volte il colpo del ko tecnico con Leao (destro a fil di palo) e con Krunic, al quale saranno fischiate parecchio le orecchie per le imprecazioni dei tifosi milanisti sparsi in tutto il mondo.

Ma il derby di ieri ha avuto un solo, grande, padrone: sua immensità Zlatan Ibrahimovic. Il totem, l’uomo che ha riempito nuovamente di un senso più ampio dell’appartenenza le giornate rossonere. Alla prima post covid-19, Ibra ne pianta due come col Bologna, salendo a quota quattro gol in due partite di campionato giocate. Sul rigore, lo ammetto, ho temuto che quello specialista innegabilmente forte di Handanovic ci potesse arrivare, perché Zlatan incrocia sempre la conclusione e raramente apre, e infatti ci è arrivato. Ma sulla respinta si è avventato famelico l’11 più bello del mondo. E il gol del raddoppio, nato da uno strappo clamoroso di Leao su D’Ambrosio che ha chiesto la targa del portoghese all’autovelox, è stato un momento di lidibine pura. Poi è iniziata un’altra partita, quella in cui l’Inter – inevitabilmente – ha rimesso fuori la testa e il gol di Lukaku ha risvegliato i fantasmi della rimonta di febbraio. Ma qui sono saliti in cattedra i principi che Pioli va coltivando da mesi a Milanello. Il Milan, che nella prima mezz’ora ha regalato tratti di grande calcio, si è tolto lo smoking e si è messo la corazza. Ha tenuto botta, ha accettato lo scontro fisico, è stato fortunato sulle occasioni di Hakimi e Lukaku, ma alla lunga ha meritato di vincere.

PUBBLICITÀ

È una sensazione strana, quasi di normalità all’interno di un ciclo anormale di sconfitte e pareggi che avevano assuefatto la testa del tifoso milanista. Oltre agli amici interisti, al tavolo c’erano anche quelli milanisti – con figlioletti annessi che cantavano l’inno del Milan – che non hanno perso tempo – tra un roll e un sashimi – nel ribadire come le portate andassero portate “a due a due”, chiedendo alla cameriera, per più volte, se il salmone fosse svedese.

Una notte da ricordare, che possa essere normalità. Che possa essere segno che il Milan è davvero alle porte del ritorno ad altissimi livelli. Con buona pace di chi vede altre partite e lo dichiara davanti ai microfoni dei colleghi delle tv. Milano, quando è rossonera, ha dei colori bellissimi.

Altre notizie
Giovedì 22 ottobre 2020
16:48 News Ibra a caccia di Larsson e Henry: 57 gol in coppe UEFA. La maggior parte in Champions 16:36 Le Interviste Marani: "Ibrahimovic è il giocatore più determinante della Serie A" 16:24 News Il piano B della Serie A in caso di stop del campionato: playoff e playout 16:12 Le Interviste Gentile: "Giusto dare spazio a Tonali dal primo minuto stasera" 16:00 News On this day - 22 ottobre 1969, il Milan vince la Coppa Intercontinentale
PUBBLICITÀ
15:48 Gli ex Abate su Ibra: "L'ho sentito dopo il derby, era arrabbiato per il rigore sbagliato. Questa cosa la dice lunga sulla sua mentalità" 15:36 Le Interviste Agresti: "Dopo Ibra? In prospettiva ci vorrà un altro centravanti, ma Pioli ha saputo ovviare alla sua assenza" 15:24 News Superlega, le possibili squadre della competizione: tra le italiane presenti Milan, Inter e Juventus 15:12 Le Interviste Donati: "Il Milan ora è una squadra vera, prima era in fase di costruzione" 15:00 News Milan, ottimi risultati negli ultimi tre precedenti con il Celtic: lo score complessivo recita 6 gol fatti, 0 subiti 14:50 Primo Piano LIVE MN - Verso Celtic-Milan: Dalot, Diaz e Tonali titolari, Ibra guida l'attacco 14:48 News Covid: Media portoghesi, Ronaldo ancora positivo 14:42 News CF - Il cinese Yonghong Li inseguito dai creditori ad Hong Kong 14:36 News Milan, i precedenti nelle ultime trasferte europee: 6 vittorie, 3 pareggi e 8 sconfitte 14:24 News Celtic-Milan, a che ora e dove vedere il debutto rossonero ai gironi di Europa League 14:12 News Milan, gli esordi in Europa League non sorridono: i rossoneri hanno vinto solo una delle prime 4 partite ai gironi 13:59 News SportMediaset - Verso Celtic-Milan: ballottaggio a sinistra, Leao favorito su Krunic 13:48 Le Interviste Collovati: "Fossi in Pioli farei un pensierino allo scudetto come obiettivo" 13:36 News Ibrahimovic, ottimo score in Europa con il Milan: 17 partite e 10 gol 13:24 News Celtic-Milan, il riepilogo della designazione arbitrale: la gara sarà diretta dallo sloveno Jug