SEZIONI NOTIZIE TMW RADIO

Da Natale a Pasqua una nuova vita. Sui cinesi tutti spiegano il nulla. A Torino Mazzoleni faccia giocare tutti alla pari. Un Mondo di vuoto

di Luca Serafini
Vedi letture
Foto

La scelta di Mazzoleni con Massa al Var a Torino per Juventus-Milan non va presa come una sfida sfrontata dei designatori, ma come un'occasione di riscatto per i due arbitri: facciano giocare le squadre alla pari e utilizzino gli strumenti al meglio, come dovrebbe essere fatto in ogni gara. Ci regalino una partita senza veleni e senza rimpianti, lascino che a giocarsela siano appunto i giocatori, senza protagonismi di chi è chiamato a dirigere una gara e dovrebbe farlo con la discrezione e l'eleganza di un cameriere delle scuole alberghiere. Nessuno chiede niente di più o di diverso.

 

Il Milan del secondo tempo nel derby di andata, il Milan che ha eliminato Inter e Lazio in Coppa Italia, che nel ritorno ha battuto con merito Sampdoria, Lazio, Roma e vinto con carattere contro Genoa e Chievo, il Milan di Londra: questo Milan può giocare alla pari contro la Juventus. Che, prima o poi, quest'anno un gol dovrà pur prenderlo... Non sono richieste altre armi che non siano quelle imbracciate nelle sfide appena elencate: attenzione, organizzazione, rapidità di esecuzione, precisione nei disimpegni (vero, Bonucci? In campionato e in Nazionale nelle ultime partite ha fatto venire la tachicardia...), solidità difensiva. E un pizzico di buona sorte, che in queste occasioni deve sempre avere un suo spazio e un suo ruolo.

 

A Pasqua in 4 giorni i rossoneri tra Juve e Inter si giocano le chances di restare in piena corsa per un posto in Champions. Inimmaginabile a Natale. Applausi ai dirigenti per aver cambiato timoniere, a Gattuso per la guida sicura su una nave alla deriva. Ai giocatori per aver ritrovato convinzione, autostima, motivazioni che apparivano spazzate via da quell'indecente prima parte di stagione. Inutile recriminare e piangere sui mesi dall'autunno all'inverno: così doveva andare e così è andata. Montella almeno ci risparmi le bacchettate ai fantasmi che ha lasciato a Milanello quando se n'è andato: ogni tanto un minimo, ma proprio un minimo di autocritica sarebbe un segnale di intelligenza, visto che il campionato del Siviglia sta invece confermando un'insipienza disarmante. 

 

PUBBLICITÀ

Siccome sulla Cina, sui cinesi, sul governo cinese, sull'alta finanza mondiale, sui fondi, su Mr. Li, ognuno si impegna a spiegare il nulla (cioè tutto quello che sa, il nulla appunto...), vi riassumo la situazione. Un anno fa un pirla (o un furfante) cinese arriva da Berlusconi, gli dà 600 milioni (lira più lira meno) e si compra il Milan: 300 milioni se li è fatti prestare dal fondo Helliott, 300 sono "suoi" prelevati a Hong Kong e da un conto delle Isole Vergini. Gli organi di controllo, ossia la cellula dormiente Covisoc e la Guardia di Finanza (siamo l'unico Paese ad avere questa branchia armata dell'esercito) dormono sonni profondi. Poi il pirla (o il furfante) si "accorge" che ogni mese bisogna pagare stipendi, affitti, luce, gas, telefono. Perché ci raccontano che c'è un pirla cinese che ha messo più di 600 milioni per prendersi il Milan, ma si è dimenticato che ci vogliono soldi anche per i costi fissi mensili. O è sbadato o è davvero un bel pirla. In ogni caso questo cinese ogni mese "trova" i soldi necessari ("scrivono e dicono proprio così, capite? "Trovati" i 7 milioni, "trovati" i 10, i 12, i 15 milioni... Dove caccchio li "trova"? E perché non me lo dice, dove accidente "trova" tutti 'sti milioni ogni volta, che me ne servirebbero un paio urgenti anche a me? 

Nonostante questo, il pirla (o il furfante) passa come un barbone che rischia continuamente di non avere né i soldi da restituire, né quelli per tirare avanti. Ogni mese - e ad ogni sosta del campionato, fateci caso... - siamo alle strette: "Ormai il Milan passerà a Elliott". In questo caso il pirla perderebbe i 300 milioni che ha portato all'inizio da Hong Kong e dalle Isole Vergini più i 7, 10, 12, 15 che ha "trovato" vita natural durante. Proprio un bel pirla. O è un furfante? Ma per essere furfanti, bisogna truffare qualcuno. Dove sta la truffa in uno che sta(rebbe) per perdere 600 milioni + 200 per il mercato + 7 + 10 + 12 + 15... in soli 10 mesi? 

Vuoi vedere che questo Mr. Li non è né un pirla né un furfante come stanno provando a farci credere, e invece i conti li sa fare? Fossi in voi, cari amici milanisti, non mi preoccuperei: piuttosto comincerei (finalmente!) a fare qualche domanda anche a proposito di Preziosi, Cellino, Spinelli, Zamparini, Ferrero, Pallotta... E perché no, Suning. Magari qualche domanda cominciate a farla a Walter Sabatini. Vi sembra una buona idea?

 

Vi lascio con il mio personale ricordo di Emiliano Mondonico http://www.lucapalogol.it/2018/03/29/ciao-mondo-mite-ribelle/ , molto semplicemente una bella persona.

 

Altre notizie
Lunedì 10 agosto 2020
20:48 News Rodriguez verso il Torino: il Milan risparmierà quasi 4 milioni lordi 20:36 Calciomercato Milan Milan, col Torino si parlerà anche di Krunic: profilo gradito a Giampaolo 20:30 Primo Piano Aubameyang, Morata, Correa... Ora il sogno è Chiesa, ma il vero target è il salto di qualità offensivo 20:24 Le Interviste TMW RADIO - Gallo: "Pessina non avrebbe alcun problema ad approcciare con San Siro" 20:12 Le Interviste Graziani: "Calabria? Non mi dispiace come giocatore ma non è da Milan"
PUBBLICITÀ
20:00 News Spring Media distribuisce Milan TV al di fuori dell'Italia 19:48 News Calcio: Matuidi verso addio alla Juve, va negli States 19:40 Calciomercato Milan MN - Rodriguez-Torino: incontro a cena tra Massara e Vagnati 19:36 News Il Pordenone di Pobega si avvicina alla finale playoff: mercoledì la semifinale di ritorno 19:24 Social Network Milan femminile, il video celebrativo per la ratifica dell'accordo con Banco BPM 19:12 News Miglior gol della stagione, il Milan pubblica il secondo quarto di finale: Kessie vs Ibra 18:59 Calciomercato Milan Benrahma, spunta anche l'interessamento del Milan 18:47 News Emergenza Coronavirus, il bollettino nazionale: 259 nuovi casi, 4 decessi 18:36 Gli ex Tuttosport - Benvento, continua il pressing per Bonaventura 18:30 Primo Piano Fascia destra da rinforzare: obiettivi individuati ma vanno studiate anche le uscite 18:24 Social Network Calabria, Conti e Cutrone in vacanza insieme in Sardegna 18:12 Gli ex Gazzetta dello Sport - Balotelli, doppia ipotesi nel suo futuro: o Club o Besiktas 18:00 News Europa League 20/21, sorteggiato il primo turno di qualificazione 17:48 Calciomercato Milan Corriere dello Sport - Jovic, Milan ancora in corsa: i rossoneri tentano la carta Ramadani 17:36 Calciomercato Milan Mundo Deportivo - Torreira, non solo Milan: anche l'Atletico sull'ex Sampdoria