Tuttosport - Milan, buone notizie per Yonghong Li: la Cina potrebbe presto allentare i vincoli per l’espatrio di soldi all’estero

di Enrico Ferrazzi
articolo letto 63727 volte
Foto

Dietro le difficoltà di Yonghong Li a trovare i soldi necessari per chiudere l’acquisto del Milan c’erano le ristrettezze imposte dal governo cinese in merito all’espatrio di capitali all’estero a seguito della forte svalutazione dello Yuan, ovvero la moneta nazionale. Per arrivare al closing, il nuovo presidente rossonero, che con il passare dei giorni ha visto sgretolarsi la cordata che aveva messo in piedi, è stato costretto a chiedere un importante prestito al fondo americano Elliott, che dovrà restituire entro 18 mesi.

NIENTE SVALUTAZIONE - Dalla Cina, arrivano però buone notizie per Mr.Li: come spiega questa mattina Tuttosport, la SAFE, acronimo di State Administration of Foreign Exchange, braccio "armato" della Banca centrale sui flussi di valuta, ha infatti comunicato nelle scorse ore che i risultati ottenuti dal giro di vite imposto in inverno stanno funzionando e che è stato ridotto il pericolo di un'ulteriore svalutazione dello Yuan nei prossimi tre mesi. Questo significa che, se la stretta sull'espatrio di capitali dovesse allentarsi o, addirittura, venire meno, Yonghong Li potrebbe agire più velocemente nell'estinzione dei debiti contratti per arrivare al closing.

NUOVI SOCI - Nelle prossime settimane, si saprà certamente qualcosa in più, ma è chiaro che tutto ciò potrebbe essere molto importante per il futuro del Milan: in particolare, il presidente milanista potrebbe avere la possibilità di trovare nuovi investitori interessati ad entrare nella società milanista e disposti a versare cifre importanti nelle casse rossonere, assicurando così al club di via Aldo Rossi un futuro ancora più roseo.


Altre notizie
Lunedì 25 Settembre
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI