Gazzetta - R.Rodriguez: “Il derby è speciale, occhio a Perisic. L’Inter mi ha cercato, ma sono felice al Milan. Sul momento difficile…”

di Enrico Ferrazzi
articolo letto 13965 volte
Foto

Ricardo Rodriguez è stato uno dei primi acquisti estivi del nuovo Milan cinese e in pochissimo tempo è riuscito a diventare un elemento fondamentale della squadra di Vincenzo Montella. Intervistato dalla Gazzetta dello Sport a due giorni da derby contro l’Inter, il terzino svizzero ha raccontato che innanzitutto che effetto da essere arrivato in rossonero: “Io quando sono nato ero in pericolo di vita per un’ernia diaframmatica. Mi hanno operato subito: era 50-50 tra vita e morte. Per questo ringrazio Dio, anche per le cose piccole. Ho capito che ci hanno dato questa vita, dobbiamo cercare di essere felici. Siamo qui per questo”.

DERBY E MERCATO - Domenica, Ricardo giocherà la sua prima stracittadina milanese: “Il derby è speciale - racconta alla Rosea -. Quando ero piccolo lo Zurigo era la mia squadra preferita assieme al Valencia e i derby col Grasshoppers erano sentiti: lo stadio pieno, i fumogeni. A me piace se la partita è calda. La sfida con il mio amico Perisic? Ivan è fortissimo, è pericolosissimo. È forte, ha fisico, è rapido, salta e soprattutto gioca con due piedi. La sua mentalità mi piace: anche a Milano siamo usciti a mangiare insieme. Che può fare chi lo marcherà? Stargli sempre vicino. E sperare che non sia in giornata. Io all’Inter? Sì, l’Inter ha parlato con il mio procuratore nella prima parte dell’anno ma il Milan, quando è arrivato, ha chiuso rapidamente. E io sono felice di giocare il derby per il Milan”.

MOMENTO DIFFICILE - Il terzino milanista è poi passato a parlare delle questioni di campo e del momento del Milan: “Che cosa non sta funzionando? Difficile dirlo. Il calcio è così: giorni buoni e altri no. Forse i nuovi vogliono mostrare di essere all’altezza e si mettono pressione: ci sono calciatori che la gestiscono meglio di altri. Il Milan vuole vincere, è normale che la società intervenga: la vita è così, decidono i capi. Poi non so che è successo con Marra, sono arrivato un giorno e non c’era più. Mai più visto. Mi piaceva, un bravo ragazzo. La dieta? Al Milan si può mangiare tutto, anche se io preferisco il latte di riso o di soia. Chi è il rigorista? Nelle ultime partite io ero il primo e Kessie il secondo. Non so come tirerò, decido all’ultimo istante: è puro istinto”.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI