Budan su Gattuso: "Ha voglia ed entusiasmo, farà bene"

di Enrico Ferrazzi
articolo letto 5928 volte
Foto

“Il Milan con Gattuso, che conosco dai tempi di Palermo, avrà voglia di fare la prima vittoria. Che sia campionato o coppa, dopo il pareggio particolare di domenica scorsa, il Milan deve vincere. Il nuovo Milan ha bisogno di un grande lavorare da parte del suo allenatore e qualsiasi partita oggi è importante per ritrovarsi”. Così a TuttoMercatoWeb Igor Budan in vista di Rijeka-Milan di questa sera.

A Palermo non avete avuto un bel rapporto...
“Dire che non abbiamo avuto un po’ rapporto è un po’ una forzatura. Magari pensava che fosse colpa mia il suo addio, ma non ero mica io il presidente. Non l’ho scelto io e non l’ho mandato via io. Non ero né il ds e né la persona indicata per farla andare via. Mi era stato trasmesso che il presidente non era felice dei risultati, ma Rino immagino fosse cosciente della situazione. Non era la storia di Gattuso, ma di tutti gli allenatori passati da Palermo. Dormo sereno, non ho niente da chiarire con lui”.

Vi siete risentiti?
“Ci siamo rivisti e salutati con affetto. Ho anche mangiato nel suo ristorante. Il rapporto va avanti. Al di là di tutto quello che è successo Rino merita grande rispetto”.

In cosa lo ha visto migliorato rispetto a Palermo?
“L’ho seguito un po’ a Pisa perché avevo qualche ex compagno di squadra, è un allenatore che potrà contare sul suo carisma e la personalità. Ogni allenatore migliora tatticamente e a livello di gestione di campo lavorando e facendo tanti allenamenti. Ha fatto esperienze non banali, è uno che si mette in discussione dappertutto. Conosce bene il Milan e tutte le sue sfaccettature. Potrà trasmettere ai giocatori cosa vuol dire il contesto rossonero. Sa che squadra ha preso per provare a risollevare il Milan, per lui è una grande occasione. Credo si senta una scommessa come lo è stato a Palermo. Ha una grande chance, immagino voglia risalire”

E il Rijeka?
“Oggi è in condizioni negative. Ha perso Bradaric sino alla fine della stagione, gli uomini sono un po’ contati. Fisicamente ha sofferto qualche infortunio in più. Ci sono gli stessi giocatori che hanno vinto l’anno scorso, ma quest’anno sono partiti con pochi giorni di riposo. Non è facile affrontare tanti impegni. Oggi il Rijeka è un po’ in difficoltà. Ma giocare contro il Milan una partita storica in casa farà trovare le giuste motivazioni”


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI