ESCLUSIVA MN - Ordine: "Senza blocchi cinesi i vecchi investitori torneranno in corsa. Budget cospicuo per il mercato, ma serve parlare con la UEFA"

di Thomas Rolfi
articolo letto 47747 volte
Foto

Tra campo e società, gli ultimi due mesi della stagione del Milan saranno suddivisi tra questi due ambiti. Le nubi sul closing sembrano essersi ormai quasi del tutto diradate, mente lato sportivo c'è una qualificazione in Europa League da provare a conquistare. Per parlare di tutto questo la redazione di MilanNews.it ha contattato Franco Ordine, giornalista de Il Giornale.

Dopo diverse peripezie sembra che il 14 aprile possa essere messa la parola definitiva sulla cessione del Milan a Yonghong Li. Come valuta l'operazione finanziaria attraverso cui si è arrivati alla vendita del club?
"Do il giudizio che è stato dato nei confronti di tutte le altre società passate di mano con questa formula finanziaria. La Roma è passata a debito garantita da Unicredit, l'Inter era a debito tanto è vero che Thohir aveva dato in pegno alle banche l'Inter. Se ci fosse stato un fallimento sarebbe fallita l'Inter, non Thohir. La stessa cosa avviene adesso con il Milan che è garantita dalle partecipazioni di Yonghong Li e dal valore dello stesso club, che è indispensabile perchè questa operazione si sta facendo con una valutazione del Milan che è completamente diversa sia dell'Inter, che della Roma. Stiamo parlando di una valutazione che complessivamente sfiora il miliardo di euro. E' un'operazione mastodontica dal punto di vista delle dimensioni economico-finanziarie".

Il fatto che sembra ormai confermato che Lu Bo, attuale presidente di Haixia Capital, farà parte del futuro CdA del Milan è indice del fatto che il fondo a partecipazione statale cinese tornerà in gioco a closing avvenuto?
"Questo è sicuro. Quando il presidente Berlusconi parlava di società a partecipazione statale si riferiva a questo. Ora, il fatto che entri un suo rappresentante è la dimostrazione del fatto che nell'operazione dei 200 milioni oltre a Huarong c'era Haixia e poi c'è la conferma altrettanto evidente che, una volta che sarà superato il divieto da parte del governo cinese di esportare i capitali - che non può essere perenne - a quel punto tutti gli investitori che avevano promesso l'adesione al fondo di Yonghong Li potranno tranquillamente entrare nel fondo. A meno che nel frattempo non intervenga la famosa quotazione nella borsa asiatica che è poi uno degli obiettivi dichiarati di Yonghong Li".

Abbiamo saputo di questa clausola di protezione che ha voluto Elliot e chet riguarderà il valore del Milan e, di conseguenza, il parco giocatori. Quanto è significativa la presenza di questa condizione?
"Vedo che state dando tutti un significato secondo me eccessivo a questa clausola di salvaguardia, che è inevitabile. Se un fondo acquista una società e versa una certa quota è ovvio che chieda la garanzia che questa società non perda di valore perchè se no perderebbe di valore il loro stesso investimento. E' un atto dovuto".

Si vocifera da pi√Ļ parti che il budget per il mercato estivo sar√† cospicuo. Le risulta?
"Qui non si tratta di garanzie date, ma soltanto di dichiarazioni. Dobbiamo comunque dare credito visto che comunque, seppur con un paio di ritardi, Yonghong Li ha mantenuto fede al proposito di comprare il Milan a una quotazione straordinaria. Credo ci sia questa disponibilità, però c'è bisogno del passaggio preventivo, cioè del negoziato con l'UEFA per ridiscutere il piano industriale del nuovo assetto societario".

Pescara-Milan: sulla carta non dovrebbe esserci partita, ma le squadre di Zeman sanno essere imprevedibili.
"Ricordo perfettamente la partita dell'andata. Non c'era Zeman, c'era Oddo, eppure è stata durissima. Ricordo almeno un paio di parate decisive da parte di Donnarumma. Se tanto mi dà tanto ho l'impressione che sarà un'altra sofferenza".

Chi potrà essere l'uomo decisivo per il Milan?
"Gli uomini decisivi devono essere ancora una volta quelli davanti. Io spero che Deulofeu cominci a fare qualche gol in pi√Ļ. E' indispendabile, perch√® costruisce molto ma finalizza poco".


Altre notizie
Mercoledì 28 Giugno
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI