ESCLUSIVA MN - Antonini: "Closing? Situazione strana, son convinto rimarrano Berlusconi e Galliani. Il Milan non deve farsi scappare Adriano"

di Thomas Rolfi
Fonte: intervista di Thomas Rolfi
articolo letto 32039 volte
Foto

La redazione di MilanNews.it ha contattato Luca Antonini. Con il doppio ex di Milan e Genoa abbiamo parlato della sfida di San Siro tra rossoneri e rossoblù, della sorpresa Mati Fernandez, dell'impatto di Deulofeu e Ocampos, di Lapadula, delle ambizioni europee della squadra di Montella e del nebuloso futuro societario.

Mandorlini, allenatore del Genoa, ieri sera ha dichiarato che la sua squadra nel primo tempo ha creato 3-4 premesse per far male al Milan. Sei d'accordo con questa analisi o ritieni che, risultato a parte, il punteggio sarebbe potuto essere ben più rotondo a favore dei rossoneri?
"Direi decisamente la seconda. Il Milan l'ha gestita molto molto tranquillamente, nel senso che ha avuto le occasioni per chiuderla dopo aver fatto gol subito. Purtroppo, perchè a me spiace vedere il Genoa in questa situazione, la squadra rossoblù non poteva minimamente pensare di passare indenne a San Siro".

Ti aspettavi un Mati Fernandez così pimpante dopo i tanti problemi fisici avuti in stagione?
"Ieri ha fatto una bella partita. Montella se l'ha voluto sapeva che fosse un giocatore su cui contare e di cui conosceva benissimo il tipo di gioco perchè ce l'ha avuto a Firenze. Quindi penso dispiaccia più di tutti a Montella di non averlo praticamente mai avuto a disposizione in questa stagione a causa degli infortuni. Sono convinto che sia un giocatore su cui Montella puntava tanto e ora che lo ha a disposizione ci punterà visto che, tra l'altro, c'è fuori un giocatore importante come Jack Bonaventura, che ha più o meno le stesse qualità".

Montella, al termine della gara, ha detto che Deulofeu e Ocampos hanno potenzialità per arrivare a livello mondiale, ma devono imparare ad essere più 'cattivi' sotto porta. Sei d'accordo?
"Sono due ragazzi giovani di grande prospettiva e anche secondo me hanno grandi qualità e che potranno ambire a palscosenici veramente molto molto importanti. Mi è sempre piaciuto Ocampos, già quando era al Genoa, perchè si intravedevano le sue grandi qualità e non a caso il Milan ha deciso di puntare su di lui. Deulofeu, invece, aveva solo bisogno di continuità, il Milan gliela sta dando e i risultati si vedono. Montella sa benissimo di quello che parla, vedendoli giornalmente".

Non è stata una prestazione appariscente quella di Lapadula contro il Genoa, ma lo zampino sul gol di Mati ce l'ha messo con quello splendido tocco di esterno. E' un giocatore da Milan?
"Lapadula non ha avuto la possibilità di dare continuità alle proprie prestazioni, perchè il Milan in attacco ha un giocatore come Bacca che, pur non essendo funzionalissimo alla squadra, quando è sotto porta la palla la butta dentro. Lapadula ha sempre fatto il suo, ha sempre dato una mano, è un giocatore di grandi risorse, ha sempre voglia di lottare per la squadra e pressa anche le bandierine, come piace dire a me. Nella mia rosa uno così lo vorrei sempre. Ogni giocatore se ha la continuità e la possibilità di essere titolare prima o poi dimostra le proprie qualità".

Alla luce delle vittorie di Atalanta e Fiorentina e dei pareggi di Inter e Lazio, quante sono secondo te le chance del Milan di conquistare un posto in Europa?
"Le chance del Milan dipendono dal Milan stesso e deve puntare a vincere tutte le 9 partite che mancano, nonostante sia difficile. Per me, però, le potenzialità e le possibilità di arrivare in Europa ci sono, anche se non sarà facile. La Lazio, pur pareggiando oggi, ha dimostrato di essere una bella squadra e Inzaghi ha creato veramente un bel collettivo e un grande ambiente. Il Milan deve approfittare dei passi falsi delle rivali".

Una domanda da tifoso, più che da opinionista: qual è la tua sensazione sulla situazione societaria?  
"E' una situazione strana che, come hai detto bene tu, si è tirata un po' troppo per le lunghe. Io spero, anzi, sono convinto che alla fine rimarranno Berlusconi e Galliani, perchè è andata troppo per le lunghe e comunque un dirigente come Galliani il Milan non deve farselo scappare, perchè ha dimostrato anche quest'anno, pur avendo a disposizione un budget praticamente nullo, ha creato una squadra e scelto un allenatore come Montella che è riuscito a tirare fuori il massimo da buoni giocatori".

 

 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI