ESCLUSIVA MN - A. Colombo: "Bacca non è una punta, avrebbe bisogno di un riferimento. Closing? Spero che il Milan resti a Berlusconi"

di Thomas Rolfi
Fonte: intervista di Thomas Rolfi
articolo letto 19710 volte
Foto

La redazione di MilanNews.it ha contattato Angelo Colombo. Con l'ex centrocampista rossonero abbiamo parlato della vittoria contro il Chievo in ottica Juventus, prossimo avversario in campionato, ma anche di singoli come Bacca e Deulofeu. Infine, immancabile la domanda sulla situazione societaria, con il closing con SES appeso a un filo.

Come ha visto il Milan contro il Chievo, soprattutto in relazione alla sfida di venerdì contro la Juventus?
"Il Milan ha fatto una bellissima vittoria con il Chievo e, tutto sommato, una buonissima partita. Che peccato ripensare ai punti lasciati contro Udinese e Sampdoria, però guardiamo avanti. Con la Juventus è sempre una bella partita e non dimentichiamo che quando giochiamo contro le grandi esprimiamo sempre un buon gioco".

Deulofeu è già entrato nel cuore dei tifosi del Milan, lo prenderebbe a giugno se ci fosse la possibilità?
"E' un po' presto. Mi sta piacendo molto perchè è un giocatore di qualità e di quantità, ma è ancora presto per giudicarlo. I compagni devono conoscerlo meglio e lui deve conoscere meglio i compagni, però si sta inserendo bene".

Doppietta per Bacca, ritorno al gol su azione, ma ancora qualche critica soprattutto per le tante occasioni sciupate, alcune di queste a causa della sua incapacità di utilizzare il piede meno forte.
"Per una punta è importante saper usare i due piedi. Io son convinto che non sia una punta vera, avrebbe bisogno di un punto di riferimento in avanti per le caratteristiche che ha. E' un giocatore che si muove, corre molto anche senza palla e si sacrifica per la squadra, non possiamo pretendere che faccia tutto. Lapadula? Sarebbe bello vederli insieme, però andrebbe rivisto tutto il contesto della squadra e rinunciare a qualcuno dei due esterni in questo momento non è semplice".

Non posso non farle una domanda su questa situazione societaria, che sta logorando i tifosi. Qual è il suo pensiero a riguardo?
"Guardando la cosa positiva, come giustamente dice Montella, i giocatori stanno pensando al campo e non son distratti da voci societarie. Speriamo che si risolva in fretta, in un senso o nell'altro, perchè lo vogliamo tutti, giocatori e tifosi compresi. Cosa si augura per il bene del Milan? La mia personale speranza a questo punto è che lo tenga ancora il presidente Berlusconi, con quella motivazione e voglia che lo ha contraddistinto in passato, per essere di nuovo tutti fiduciosi".

 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI